POTENZIAMENTO DELLA GAMBATA DEL CRAWL

 

La stragrande maggioranza degli atleti che preparano il fondo mal accettano di potenziare le gambe perché la ritengono fatica sprecata e perché pensano che le gambe vengano già allenate con corsa e bike ( triatleti) o che non sarà per loro importante (nuoto di fondo).Convincerli ad applicarsi anche con la “Tavoletta”è compito arduo ma quasi sempre fa la differenza in positivo.

La propulsione delle gambe nel crawl di fondo ha un’incidenza bassissima , indicativamente vicina al 10%, ed è per questo motivo che l’allenamento delle gambe in acqua viene trascurato e addirittura non eseguito. Niente di più sbagliato!

É vero che la propulsione è minima ma la corretta gambata interviene non solo in fase propulsiva ma anche in funzione stabilizzante, mantenendo il corpo nel corretto allineamento affinché la bracciata possa esplicarsi solamente per la propulsione anziché per la stabilizzazione di una gambata scorretta e inadeguata.

Non di rado gli errori della bracciata sono compensi di una gambata scorretta. Ne deriva che, oltre all’allenamento condizionale per le gambe, risultano adeguati esercizi tecnici e tanta coordinazione (allenamento tecnico-coordinativo).

Il perfezionamento della gambata passa attraverso l’acquisizione di indipendenza fra un arto inferiore e l’altro. Gli esercizi suggeriti sono i seguenti:

  1. 25 m solo gamba destra;
  2. 25 m solo gamba sinistra;
  3. 25 m effettuando tre gambate destre e tre gambate sinistre;
  4. 25 m effettuando due gambate destre e due gambate sinistre;
  5. 25 m alternando una gambata destra e una gambata sinistra.

Fondamentale è l’apprendimento di una gambata che non sia una sforbiciata ma una corretta sincronia di movimenti indipendenti.

I frazionamenti nell’esercizio suggerito sono soltanto un esempio delle varie metrature e del numero di ripetizioni che possono essere adottate.

Il lavoro deve inizialmente essere svolto con una tavoletta e, solo in un secondo momento, a corpo libero.

Una volta raggiunta un’adeguata abilità ed indipendenza vanno introdotte le braccia lavorando prima sulla stabilizzazione diagonale braccio destro/gamba sinistra e viceversa.

L’obbiettivo è l’acquisizione di una perfetta coordinazione di due gambate per ogni ciclo di bracciata e la stabilizzazione.

2018-11-11T14:21:54+00:00